Le scuole hanno bandito le sedie musicali e non crederete perché

Cultura dell'elicottero come è il migliore (Sigh.)

Ahh, sedie musicali! Il più classico e innocente dei giochi d'infanzia. Basta il nome per riempirmi di dolce nostalgia. Feste di compleanno. Recesso. Tappeti alfabeto. Fine settimana.

Un gruppo di bambini eccitati si raccoglie attorno a un ring di sedie, con una sedia in meno rispetto al numero di giocatori, e la musica inizia. I bambini camminano intorno alle sedie, sorridendo e sorridendo in anticipo, finché ... la musica si ferma! Ogni bambino si tuffa per la sedia più vicina. Lo sfortunato che non ha preso una sedia è fuori. Una sedia in più viene rimossa e inizia il round successivo.

Ma questa forma di gioco infantile è una delle tante vittime della genitorialità di questo secolo in elicottero e della cultura del "fiocco di neve speciale".

Perché? Secondo Christina Hoff Sommers, professore di filosofia e autrice di Come la cultura d'aiuto sta erodendo l'autosufficienza , è perché:

  • "Deve essere lasciato fuori".
  • È "competitivo" - è meglio che i bambini meditino e si rilassino.
  • "Si concentra sull'eliminazione del legame più debole", che è "dannoso" per l'autostima dei bambini.

C'è una lista ridicolmente lunga di ragioni ridicolmente ridicole per le scuole vietate le sedie musicali, così come i tradizionali giochi d'infanzia come Red Rover, tag, palle di neve e persino Duck Duck Goose.

Perché l'aggressività, la competizione e la perdita sono tutte cose che danneggiano l'autostima dei bambini, giusto? Sbagliato.

In effetti, circa cento anni di ricerche sulla psicologia dimostrano il contrario: che il gioco indipendente, competitivo, ruvido e burbero non è solo divertente e piacevole per i bambini, ma è anche una parte cruciale del loro sviluppo.

Perché qualsiasi insegnante o altro cosiddetto "esperto" di educazione sosterrebbe il divieto di questi innocenti giochi d'infanzia è al di fuori di me. Onestamente, se l'insegnante di tuo figlio sostiene tali cose, potresti prendere in considerazione le loro credenziali.

Perché la ricerca psicologica dimostra che la competizione - sia vincente che perdente - insegna al tuo bambino importanti abilità sociali, come risoluzione dei problemi, negoziazione, comunicazione e lavoro di squadra / collaborazione (due delle parole più calde in materia di istruzione in questo momento).

Inoltre insegna al tuo bambino importanti capacità emotive, come ad esempio affrontare e resilienza. Potresti pensare che stai aiutando tuo figlio isolandoli dal rifiuto sociale, dall'imbarazzo o dai sentimenti feriti il ​​più a lungo possibile. Ma la verità è che tu li stai paralizzando emotivamente.

La resilienza non è qualcosa che accade magicamente una volta che hai compiuto una certa età. È qualcosa che sviluppi affrontando la piccola delusione di essere il primo bambino eliminato dalle sedie musicali o l'ultimo bambino scelto nel gioco kickball.

La determinazione non è qualcosa che accade automaticamente. È qualcosa che si sviluppa rimanendo deluso da un certo risultato e promettendo di praticare, migliorare e fare meglio la prossima volta.

Per non parlare del fatto che il gioco competitivo e ruvido aiuta i bambini a sviluppare sia le grandi capacità motorie che il senso propriocettivo, o il senso della posizione relativa del tuo corpo diverso e la forza e lo sforzo impiegati nel movimento. (È così che i giocatori di pallacanestro riescono a sparare un leggero lay-up mentre corrono a tutta velocità in campo, o anche solo come i bambini riescono a giocare a tag senza pestarsi l'un l'altro.)

Se priviamo i bambini di questi divertenti, indipendenti, competitivi e Sì, attività fisiche, li priviamo di importanti abilità di vita. Prendere una posizione. Proteggi il tuo bambino da un'iperprotezione.